sabato 18 ottobre 2014

un giorno perfetto - conclusione - e il giorno dopo, un po' meno perfetto!

Bene signori, la conclusione di questo "romanzo a puntate" è stata affidata a me. Sono il Drillo, marito e "revisore editoriale" della Pina, colei che ha scritto tutto il resto.



Il fatto che avessimo degli amici totalmente fuori di testa, già lo sapevamo, ma che arrivassero a tanto mai ce lo saremmo aspettato. Avevamo intuito, come disse la Pina, che nell'aria c'era qualcosa - e non era Impulse! - avevamo fatto mille congetture ... e poi questi qui, 'un ti vanno ad inventarsi nientepopodimenochè: una crociera! E come in tutte, o quasi, le crociere che si rispettino, c'è sempre qualcuno che ha il mal di mare. Eh si, signori, a parte Titto che ha confessato che era talmente coinvolto, che quasi quasi aveva bisogno di una pasticchina per il mal di mare appunto, quella che ha vinto il primo premio, staccando tutti di un bel po', è stata la Bardi. Si povera Robertina, il giorno dopo l'arrivo "in porto",  ha avuto a che fare con il WC ... tutto il giorno! Noi, dal canto nostro, non ci siamo minimamente scomposti: abbiamo mangiato e bevuto anche per lei, per non farla sentire a disagio. Devo dire che anche altri hanno avuto qualche episodio, ma niente di rilevante. Si può tranquillamente affermare che quando Robertina la Bardi fa una cosa, la fa proprio bene e fino in  fondo. 

questo il look "adottato"
per l'occasione! 

venerdì 10 ottobre 2014

un giorno perfetto - quinta e (forse) ultima puntata!

Dunque amici siamo arrivati, fra tante peripezie, al magico momento della torta ... ecco la foto più o meno canonica, di rito:


Dopo aver apprezzato non solo questa meravigliosa opera ma anche tutto il resto dei dessert, arriviamo all'unico momento a cui eravamo preparati, cioè alla proiezione del video su di noi, su Gliulivelli, che non poteva proprio mancare. Dico questo perché per tanti altri amici in occasione di eventi speciali sono stati preparati dei video-ricordo, noi stessi abbiamo fatto le ore piccole tante volte per farne qualcuno, per cui saremmo rimasti delusi se non fosse stato fatto anche per noi! Ecco, il video è qui sotto. Lo condividiamo perché è davvero speciale. L'idea di inserire le registrazioni degli auguri dei nostri familiari, soprattutto quella delle nostre bimbe, è stata un'idea favolosa, la classica ciliegina su una torta di emozioni fortissime. Ecco a voi, a dare il via alle immagini tocca a Caterina, in veste quasi "professionale", a proseguire abbiamo invece Melissa che ci viene detto abbia parlato assolutamente "a braccio". Vi consiglio di guardare almeno i primi 2 minuti e gli ultimi 4 ... 

mercoledì 8 ottobre 2014

un giorno perfetto - quarta puntata, cosa ci aspetta ancora?

Il ballo sulle note della "nostra" canzone (ne parlavamo qui) è stato un momento decisamente romantico che di certo non poteva durare ancora per molto ... ecco che infatti la nostra nave arriva al porto di Civitavecchia dove veniamo invitati a sbarcare per una bella escursione a 
Roma
Eccallà, come direbbero i romani, il marinaio Baba ci accompagna "in cabina" a cambiarci: due bei completi da centurioni con tanto di muscoli finti per la Pina (che ovviamente è l'uomo) e per il Drillo niente parrucchetta. Chissà perché niente parrucca ...


martedì 23 settembre 2014

un giorno perfetto - terza puntata, si parte!

Torniamo a "noi". Dei momenti qui sotto vi abbiamo già raccontato nelle 


del pomeriggio di coccole
dell'accoglienza ... 
della "celebrazione"

giovedì 11 settembre 2014

un giorno perfetto - la seconda parte: la "celebrazione"



Dunque, eravamo rimasti qui ... 


... imbocchiamo il vialetto di casa, mai visto così bello; illuminato da lanternine di carta. Scatto una foto da sopra la mia testa, un po' a caso, per immortalare questo bellissimo momento. Sono tutti lì, i nostri amici, la nostra famiglia, una trentina di persone vestite come l’equipaggio di una nave, schierati in una doppia fila. 

... mentre si preparano al nostro arrivo!

giovedì 4 settembre 2014

un giorno perfetto - la prima parte

NOI - 10 anni fa
Penso che le cose belle siano più belle se condivise, ecco perché sono qui a raccontarvi di una giornata molto speciale nella quale ho creduto per un attimo di essere proiettata insieme a Drillo in una trasmissione televisiva tipo quelle di Maria De Filippi. Il 22 agosto era il nostro anniversario di matrimonio e come da tradizione avevamo pensato di andare a cena in un posticino romantico io e lui e festeggiarlo anche il giorno dopo con gli amici a casa nostra all’aperto. Così è stato per il venerdì: serata intima - ma di quello non vi racconterò niente - per il sabato invece il discorso è piuttosto lungo … mettetevi pure comodi! Quest’anno era un anniversario speciale perché era il 10° e abbiamo capito ben presto che i matti dei nostri amici più intimi stavano tramando qualcosa alle nostre spalle. Ecco che abbiamo deciso di abbandonare l’idea di organizzare per conto nostro la festa e ci siamo consegnati letteralmente in mano ai nostri amici sapendo solo - ma senza neanche la certezza assoluta - il luogo: il giardino della Casina Marina e il giorno: sabato 23. La mattina di quel giorno è venuto un acquazzone esagerato che ha messo in crisi tutti gli organizzatori che fortunatamente hanno incrociato le dita e aspettato con fiducia. Nel frattempo ci sono state "sequestrate" le bimbe che erano complici in tutto e per tutto dei nostri amici dopodiché è arrivato il primo messaggino sul telefono: aspettate dove vi trovate, a stomaco vuoto! E così abbiamo fatto. Sull’ora di pranzo Vittorio e Gabriele, autisti per l’occasione, sono venuti a prenderci e senza anticipare niente ci hanno accompagnato ai Bagni Pineta, a Marina di Campo dove avevano riservato un ombrellone e due lettini.

martedì 26 agosto 2014

California Dreamin' - giorno 13

Si torna a casa :(
martedì 9 aprile 2013

Stamani la sveglia suona alle 5 e un quarto. Ci prepariamo alla svelta per prendere lo shuttle dell'hotel che ci porterà al terminal. Non facciamo colazione tanto avremo sicuramente tempo in aeroporto. Andiamo a fare il check in ma le nostre valigie superano i 50 pounds ognuna. Credevamo che il peso massimo fosse "cumulativo" invece non è così per cui abbiamo dovuto rufolare nelle valigie cercando di ridistribuire i pesi in borse d'emergenza. Magicamente riusciamo nel nostro intento e passato il controllo compriamo un piccolo trolley per raggruppare ciò che era rimasto fuori dalle valigie. Rimaniamo molto colpiti dalla gentilezza di un operatore che nel bagaglio trova un barattolino di sale e si trova costretto ad analizzarlo. Si prodiga in mille scuse e ricompone con cura il nostro bagaglio mentre noi ringraziamo lui per la cortesia e l'efficienza. Tutto questo tran tran ci fa perdere un sacco di tempo e arriva così il momento di imbarcare che non siamo neanche riusciti a fare colazione! 

mercoledì 20 agosto 2014

California Dreamin' - giorno 12

ultimo giorno a Los Angeles

lunedì 8 aprile 2013


Stamani siamo tutti tristi ... solitamente io, Pina, sono felice di rientrare a casa dopo un viaggio, l'ho raccontato anche qui, ma stavolta non sono ancora pronta. L'unica è Cate che invece è felice di rivedere i suoi amici. Finiamo di preparare i bagagli e liberiamo il camper di tutto, acque grigie e nere comprese. Arriviamo da El Monte ripensando alla settimana prima, quando stavamo per iniziare la nostra avventura e guardiamo con invidia i gruppetti che attendono la consegna del loro RV. 



Ci accoglie una signorina che controlla che sul camper tutto sia come quando ce l'hanno consegnato ... Siamo stati bravi, danni non ce ne sono e ci vengono automaticamente resi i mille dollari della cauzione. 

mercoledì 6 agosto 2014

California Dreamin' - giorno 11

da Santa Barbara a Los Angeles

domenica 7 aprile 2013


Siamo ormai in dirittura d'arrivo della nostra bella avventura, domani mattina dovremo riconsegnare il "nostro" caro rv e oggi, per concludere in bellezza - o almeno è quello che speriamo - partiamo alla volta di Santa Mamma, come abbiamo ribattezzato la cittadina di Santa Barbara. Solo ora, ormai a conclusione del viaggio, scopriamo che il nostro navigatore satellitare ci dà tempi di percorrenza, quindi di arrivo, ben diversi da quelli di Mister Google. Proviamo a capire perché ma alla fine desistiamo e ci rassegniamo all'idea di farci un paio d'ore di viaggio. La cittadina si presenta a noi come comunemente si può immaginare una città californiana, con un lungomare ricco di alte e smilze palme, gente sulla spiaggia e così via. Cerchiamo parcheggio e ne troviamo uno in zona centrale con un sistema di pagamento alquanto bizzarro sullo stile "insert coin": dobbiamo inserire 6 dollari nella fessura corrispondente al numero del nostro posto in un casellario all'ingresso del parcheggio. Del "custode" neanche l'ombra allora chiediamo informazioni ad un passante, di chiara origine latino-americana che infatti ci risponde direttamente in spagnolo confermandoci che possiamo parcheggiare dove troviamo posto. Siamo un po' scettici comunque lasciamo il camper portando con noi soldi, passaporti e macchina fotografica "buona" (che poi nemmeno useremo)! 

mercoledì 30 luglio 2014

California dreamin' - giorno 10

da Monterey giù per la California 1 

sabato 6 aprile 2013

Il programma della giornata è abbastanza ricco, anzi, è la strada da percorrere decisamente "ricca" perché ci aspettiamo di trovare paesaggi meritevoli da ammirare. Cominciamo con Monterey. Facciamo un giro per il Fisherman's Wharf dove troviamo leoni marini, pescherecci ed un vecchio pianoforte a disposizione di chiunque desideri suonarlo. Facciamo qualche acquisto e gironzoliamo intorno per lo State Historic Park, dove un festival del jazz fa da colonna sonora alla nostra passeggiata.

venerdì 25 luglio 2014

California dreamin' - giorno 9

San Francisco!
venerdì 5 aprile 2013


Stamani sveglia presto, colazione, sistemazione velocissima e partenza altrettanto rapida alla volta di Larkspur dove prendiamo il Golden Gate Ferry. Siamo immersi in un'orda di gente nero-arancione vestita: sono tifosi dei San Francisco's Giants che supponiamo vadano a vedere una partita. Appena arrivati ci incamminiamo verso il Pier 39, nella zona del Fisherman's Wharf. Le bimbe ammirano entusiaste il "contorno" di grattacieli ed alti edifici e si rassegnano all'idea di dover camminare un bel po'. Il Pier 39 è un molo molto affollato di turisti, il nostro ingresso è accompagnato da questo sottofondo musicale ... davvero molto piacevole.

giovedì 24 luglio 2014

California dreamin' - giorno 8

Petaluma "through" Napa Valley.

giovedì 4 aprile 2013 


La mattina seguente dopo colazione finalmente apre l'ufficio del campeggio, dove troviamo il padrone che parla italiano perché ha vissuto 10 anni a Milano. Lasciamo il posto sotto la pioggia e ci dirigiamo verso la Napa Valley. Facciamo un giro delle cittadine di Napa, Yountville e Saint Helena. Rimaniamo molto colpiti dall'architettura di tanti edifici. 

martedì 22 luglio 2014

California dreamin' - giorno 7

allo Yosemite 
mercoledì 3 aprile 2013

Stamani Melissa non ha la febbre e quindi all'alba delle dieci e mezzo, ci muoviamo direzione Yosemite National Park. Ci vuole un po' per arrivare ma ne vale la pena. La strada si snoda nella gola in cui scorre il Merced River ed è molto suggestiva, con panorami mozzafiato. 


Per entrare ci vogliono 20 dollari ma
il biglietto vale una settimana ...
peccato per noi di non poterne
usufruire maggiormente. 




martedì 25 marzo 2014

California dreamin' - giorno 6

dal medico e poi via!
martedì 2 aprile

La mattina dopo Melissa sta un po' meglio ma la Pina comincia ad essere inquieta. In famiglia non siamo abituati a gestire da soli febbri e malannetti vari perché fortunatamente le signorine si ammalano poco ed è per questo che quando capita si va direttamente dal pediatra. Decidiamo dunque di chiedere "aiuto": la signora del campeggio ci indirizza verso un family health center, una sorta di poliambulatorio, che non è molto distante ed è davvero molto bello e ben organizzato. 


eccolo qui


sabato 22 marzo 2014

California Dreamin' - giorno 5

Pronti per il camper
Lunedì 1 aprile
Stamani ci svegliamo di buonora per andare - finalmente - a ritirare il nostro camper, o meglio, il nostro RV. Lo impariamo alla reception del motel che il termine "camper" non si usa negli USA, ma si dice ar vì (Recreational Vehicle). La febbre di Melissetta di ieri sera non è stata febbre da stanchezza, c'è ancora!
prima di partire, fotina ricordo
al 415 west di Katella Avenue


giovedì 20 marzo 2014

california dreamin' - giorno 4

Ultimo giorno ai parchi


Domenica 31 marzo:

Decidiamo di concludere le nostre avventure ai parchi Disney tornando al California Adventure Park, che, in effetti ci era piaciuto di più. Passiamo una meravigliosa giornata fra le attrazioni che ci avevano "attratto" di più tra cui:

una sorta di calci in culo "maxi", oscillante e musicale. La Pina ha i suoi soliti problemi con l'altezza perché soffre di "attrazione da vuoto" ma cerca di far finta di niente ... Se non soffrite di mal di mare ecco il video:  

video

mercoledì 5 marzo 2014

California dreamin' - giorno 3

Disneyland Park
Sabato 30 marzo: 

Il nostro secondo giorno sarà tutto dedicato al vero e proprio Disneyland Park, ribattezzato dalle bimbe "quello delle principesse". 


video

martedì 4 marzo 2014

California dreamin' - giorno 2 -

pronti per Disney California Adventure!

venerdì 29 marzo

Appena svegli non perdiamo tempo, ci prepariamo e andiamo a fare colazione. E' tutto molto spartano ma ci soddisfa discretamente e così partiamo alla volta di Disneyland a pancia piena. Il signor Walt volle creare questo posto fantastico, nel 1955, dove genitori e bambini potessero divertirsi insieme, e noi abbiamo intenzione di farlo! I biglietti erano già stati acquistati da casa sul sito. Ci dirigiamo subito al California Adventure Park e l'impatto è niente male.  



Ci mettiamo quasi subito in fila per Radiator Springs Racer e dopo la prima ora di fila l'attrazione si ferma! E ora? Decidiamo di seguire la massa e rimaniamo in coda.

martedì 25 febbraio 2014

California dreamin' - giorno 1 -

- La partenza 

Viaggiare è un antico vizio che ci hanno trasmesso i nostri genitori. Solo ora che le bimbe sono un po' più grandi lo abbiamo rispolverato. Abbiamo iniziato a "lavorare" a questa avventura già un anno prima, desiderando trascorrere una vacanza esclusiva da condividere solo con le nostre bimbe. La scelta di: California, parchi Disney e Camper è per conciliare diversi fattori che interessavano noi genitori e/o loro-bimbe. Abbiamo progettato tutto per conto nostro ascoltando pareri di parenti e amici e navigando un bel po' su internet. Ci sono serviti più che altro questi siti: xploreamerica per il camper, booking punto com per gli hotel, expedia per i voli, koa punto com per i campeggi. 
Per il titolo del post sono stata ispirata, in modo affatto originale, dalla canzone qui sotto:


Il viaggio in breve è stato questo: 
  • 4 notti ad Anheim (Los Angeles) per visitare i 2 parchi Disney
  • 1 settimana di camper per andare da Los Angeles a San Francisco e ritorno
  • 1 giorno pieno a Los Angeles per vedere la città

venerdì 21 febbraio 2014

Il viaggio "americano"

Salve gente. Mi vergogno un po' ad essere qui alla tastiera dopo tutto questo tempo, ma si sa che gli impegni sono molteplici specialmente se si ha moglie e figlie, come sapete bene!
Comunque eccomi qui per parlarvi un momento del viaggio che Gliulivelli (noi!) hanno fatto negli Stati Uniti e precisamente in California a marzo scorso.
Tutto è nato perché volevamo portare le bambine a Disneyland prima che la piccina compisse otto anni, visto che a Parigi non avrebbe pagato. A Parigi però! La Pina a quel punto ha messo in moto il suo cervellino - si fa per dire - machiavellico ed ha cominciato a favoleggiare! Insomma da andare a Parigi per un fine settimana lungo, siamo finiti per partire per la California per quasi 2 settimane ... niente male vero!?



Quindi serate passate al computer per scegliere: 

mercoledì 12 febbraio 2014

casa dolce casa

Ovvia sù, mi decido e rubo 10 minuti ai miei doveri quotidiani per scrivere 2 righe. Ho voglia di scrivere di 

RITORNI.

C'è un'invasione digitale di bellissimi blog di viaggi, a me piacerebbe seguirli tutti e tuffarmici a capofitto per sognare posti più o meno lontani. (Anzi, approfitto per un "in bocca al lupo" a quello della mia social friend da #questionidifeeling Cristina che ha appena inaugurato il suo in ogni viaggio)

Proprio un paio di giorni fa siamo rientrati dalla solita, consueta vacanza familiare sulle bellissime Dolomiti e proprio come mi succede alla fine di ogni viaggio sono rientrata a casa appagata e felice. Felice di aver cambiato ambiente per un periodo di tempo, felice di aver conosciuto qualcosa o qualcuno di nuovo, felice di una nuova esperienza, felice soprattutto di essere tornata a casa. Come ha saggiamente detto il mio babbo:

solo dopo che sei uscito dal cinema 
puoi dire di aver visto un film!